In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare.
Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».
2Sam 1,1-4.11-12.17.19.23-27   Sal 79   Mc 3,20-21
I parenti di Gesù dicevano: «È fuori di sé». E in un certo senso avevano ragione. Chi ama veramente è fuori si sé. È liberato dall'ossessione del proprio io per donarsi all'altro. Cristo, l'amore incarnato del Padre, è l'incarnazione perfetta della natura esodica e folle dell'amore. Se - come insegna Pavel Florenskij - l'amore è fare dell'altro l'epicentro di se stessi, Cristo ha realizzato questo esodo. L'epicentro suo sei tu. La chiamata tua è essere fuori di te per lui. Follie d'amour.

Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: