I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esattezza dai Magi.
Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremìa:
«Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più».

1Gv 1,5-2,2   Sal 123   Mt 2,13-18

Si fa fatica a fare il ricordo di questi bambini morti per Gesù ancor prima di saper confessare il suo nome. Eppure è un Vangelo che riequilibra il sapore dolciastro che abbiamo proiettato sul Natale. Il Natale non è una bella favoletta. È la realtà dell’amore di Dio che non trova ospitalità a Betlemme, che non trova ospitalità nel cuore di un potente. È l’annuncio di un’umanità migliore a misura di Dio contrastato da una riduzione bestiale dell’umanità per mano di chi snobba l’autodonarsi di Dio. La morte di questi bimbi non manifesta solo la prepotenza di Erode, ma anche «la banalità del male», un male messo in atto da funzionari che reputano di fare la cosa giusta eseguendo ordini ingiusti. È il dilemma del male che diventa sistema, prassi, legge… Vivere il Natale è accettare la sfida di Dio di vivere controcorrente. È concretezza. È vivere il primato della coscienza illuminata dalla Parola di Dio.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: