In quel tempo, Gesù entrò nel tempio e, mentre insegnava, gli si avvicinarono i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo e dissero: «Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?».
Gesù rispose loro: «Anch’io vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, anch’io vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?».
Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, ci risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Se diciamo: “Dagli uomini”, abbiamo paura della folla, perché tutti considerano Giovanni un profeta».
Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo». Allora anch’egli disse loro: «Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose».
Nm 24,2-7.15-17   Sal 24   Mt 21,23-27

Lo sguardo acuto sulla realtà e la capacità di un giudizio retto vengono da un’opera di onestà interiore che diventa un habitus dell’anima. Chi è onesto con se stesso a giorni alterni fa fatica a vederci chiaro nelle situazioni. Un’altra regola fondamentale del discernimento è la consistenza e la coerenza. Più sei onesto con te stesso, più accresci la tua capacità di intuire la tua strada. Gesù mette i suoi interlocutori davanti a domande pertinenti alla loro storia, ma che loro non si pongono. Tuttavia, solo rispondendo a queste domande potrebbero capire la natura della missione di Gesù. Lo stesso vale per noi: è nel riconoscere i nostri «battisti» che impariamo a riconoscere la via e la presenza del Signore.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: