In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

Dn 7,2-14   Dn 3   Lc 21,29-33


«Non scendere dalla croce, è lì che incontri Gesù», così incoraggiava con affetto una persona una mia giovanissima amica colpita da una grave perdita. Questo vangelo ci offre un’esortazione simile. Gli avvenimenti avversi della storia non sono il luogo dell’abbandono di Dio, ma il luogo dove il Signore si fa più prossimo a chi soffre l’ingiustizia, perché il nostro Dio è il Dio che fa la sua epifania nelle spine del roveto (cf. Es 3). Le spine non spariscono, ma il dolore invece di spegnerci fa sprigionare la Luce che è in noi. Ringrazio il Signore di aver incontrato crocifissi e crocifisse che irradiano il Risorto. Essi testimoniano che il Regno è vicino, nonostante tutto.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: