regno di Dio

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

Sap 7,22-8,1   Sal 118   Lc 17,20-25


«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione»: questa discrezione di Dio e della sua opera commuove, ma allo stesso tempo inquieta (e quanto sono affini questi due movimenti dell’animo!). Commuove perché non si impone, ma inquieta perché nel nostro chiasso potrebbe passare inosservato. La discrezione del Regno, però, è accompagnata dalla certezza della sua realtà sempre presente: «Il Regno di Dio è in mezzo a voi». Egli è qui. Il mio compito è leggere la sua presenza, essere la sua presenza, in attesa della sua manifestazione inequivocabile, di cui sono – posso essere – un barlume consistente.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: