In quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli:
«Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze.
Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui.
Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Rm 4,1-8   Sal 31   Lc 12,1-7


L’Antico Testamento parla del Signore che scruta i reni. I reni erano la sede della coscienza e dei pensieri più reconditi. Da qui la stupidità dell’ipocrisia: come nascondersi a colui che ci scruta? Lungi, però, dal ridurre il Signore a un commissario di «polizia del pensiero» di Orwelliana memoria, Gesù ci mostra che lo sguardo di Dio su di noi è uno sguardo di cura paterna, uno sguardo che ci promuove e ci valorizza: «Sei prezioso ai miei occhi, perché sei degno di stima e io ti amo» (Is 43,4). Più delle considerazioni moraleggianti, è proprio la gratuità di questo sguardo, che vede e provvede, a immergerci nella grazia della verità dell’essere amati liberandoci dall’esigenza delle maschere. 
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: