In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro.
Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

1Tm 1,1-2.12-14   Sal 15   Lc 6,39-42


Nella vita spirituale il vero sapere nasce dall’esperienza. Per questo è pericoloso quando si parla di ciò che non si è sperimentato. Gli esiti di discorsi sull’ignoto sono due: l’illusione e la delusione. Da qui viene la diffusa nausea di sentire parlare di Dio… Donaci Signore di non essere guide cieche, ma spose che ti vedono con gli occhi del cuore, per parlare di te parlando in te e attirare gli altri verso la tua vita con la luce capace di ridare la vista ai ciechi.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: