In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

Dn 7,9-10.13-14   Sal 137   Gv 1,47-51


Il pensiero delle figure angeliche ci porta a pensare alla cura paterna e materna di Dio e il vangelo di oggi ci mette dinanzi a un’immagine evocativa: Gesù si presenta come la realtà rappresentata dal simbolo della scala di Giacobbe. Il vero nesso tra Dio e gli uomini è lui. È nella sua mediazione e “sinapsi” che sussistono tutte le altre mediazioni. Gesù è come l’anello della clessidra che congiunge l’eterno di Dio con il tempo e la storia degli uomini. Dinanzi a un Dio così vicino l’anima è rapita dal canto di lode: «Chi è come Te (Dio)?» (Mi-ka-El), Sei un Dio potente (Gavri-El) e sei la nostra cura, guarigione e salvezza (Rafa-El).
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: