In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».

Gdc 6,11-24   Sal 84   Mt 19,23-30


L’interpretazione affrettata di questo vangelo costituisce una delle motivazioni che hanno portato a una riduzione pauperistica della fede cristiana. Quasi che bastasse essere poveri per essere buoni cristiani. In realtà, il pericolo della ricchezza non consiste nel fatto di avere, ma nel rapporto che si ha verso le cose. Una persona che non possiede niente può essere comunque soffocata dall’invidia verso chi ha. Quest’invidia può estendersi oltre i possedimenti materiali dell’altro, verso le sue qualità, il suo successo, ecc. L’intento di Gesù, allora, va ben al di là degli spicci che hai in tasca. È una crociata contro l’esistenza spicciola, ridotta all’inventario di quello che hai, che più di possedere, ne sei posseduta come un demone. È qui che la ricchezza – di qualsiasi tipo – diventa povertà e miseria, diventa un peso che ostacola la corsa dietro lo Sposo che pur essendo ricco svuotò se stesso per amore. Solo chi ama è ricco, perché è l’unica moneta del Cielo.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: