Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

1Re 19,4-8   Sal 33   Ef 4,30-5,2   Gv 6,41-51


Si parla di tre «pani» nelle letture di questa domenica. La manna di Mosè, la focaccia di Elia e il pane che è Gesù. Dare pane è avere cura. La manna esprime la costanza della cura di Dio e la sua fedeltà alla promessa. La focaccia, un pane preparato e cotto, esprime l’attenzione al particolare della cura di Dio. Gesù, il pane donato, esprime l’eccedenza folle della cura di Dio. Il Padre non solo dà, ma dona tutto se stesso nel Figlio. Se tutti gli altri pani sono importanti – e il fatto che Dio li doni ai suoi eletti ne è prova – è questo il pane al quale siamo chiamati a elevare i cuori in ultima istanza. Gli altri pani sono mezzi, così a Elia le focacce sono date per sostenerlo nel cammino. Il pane-Gesù è il fine ultimo. Unirsi a lui nel pane eucaristico è dare ascolto e accoglienza all’amore del Padre: «Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me».
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: