In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte.
Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui».
E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.
Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.
Nm 11,4-15   Sal 80   Mt 14,13-21

Leggere il vangelo di oggi alla luce del vangelo di ieri ci offre un volto complementare della provvidenza del Signore. Gesù che invita a guardare al pane del cielo, non trascura il pane della terra, si occupa dell’uomo nella sua fame concreta. È significativo che la cura di Gesù in questo vangelo passi per la cura dell’uomo. Il miracolo della moltiplicazione avviene attraverso il miracolo della condivisione. Anche oggi è così. La terra ha risorse più che sufficienti per tutti, risorse che diventano insufficienti per la brama di pochi. Donaci Signore di essere partecipi nel tuo miracolo di moltiplicazione dei pani e dei pesci.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: