omelia pregolaparola

«Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.
Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?
Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni.
In verità io vi dico: vi sono alcuni tra i presenti che non moriranno, prima di aver visto venire il Figlio dell’uomo con il suo regno».

Dt 4,32-40   Sal 76   Mt 16,24-28


«Che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?». Un torto capitale che facciamo a noi stessi è sprecare la nostra vita, vivacchiare. E per farlo non è necessario fare il male, basta non far fiorire il bene inseminato nel nostro essere. Anzi, basta non aprire gli occhi a quel Bene quotidiano che ci viene incontro in mille modi e sfumature. Se rinneghiamo noi stessi, i nostri soliti canoni, le nostre misure, attese e pretese, anche noi abbiamo la possibilità di sbirciare in quei attimi di eternità, ed essere tra quelli che «non moriranno, prima di aver visto venire il Figlio dell’uomo con il suo regno». La vita spirituale non si inaridisce a causa della mancanza di meraviglie, ma a causa della mancanza di meraviglia.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: