Omelia, Matteo, Regno di Dio

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».
Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:
«Aprirò la mia bocca con parabole,
proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo».
Es 32,15-24.30-34   Sal 105   Mt 13,31-35

C’è un denominatore comune tra le due parabole narrate da Gesù: l’indeducibilità del risultato dalle premesse. C’è un eccedenza nell’opera di Dio che ci risulta incredibile se non ne facciamo l’esperienza. Immaginiamo una persona che non ha mai avuto modo di sapere che un albero viene da un seme. Farebbe fatica a credere il passaggio da una cosa così piccola e insignificante a una pianta robusta e rigogliosa. È così con le promesse di Dio sulla nostra vita. Promesse che dobbiamo cogliere per conto nostro e non delegarne la scoperta ad altri. Ma una volta che capiamo dove il Signore ci invita a seminare tutta la nostra esistenza, la follia non è investirsi senza esitazione, ma rimanere al margine, adagiati nella mediocre tranquillità dell’infecondità.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: