In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».
2Cor 8,1-9   Sal 145   Mt 5,43-48

Chi col tempo si è abituato a una postura di compromesso, sa quanta fatica si fa a educarsi a sostenere la postura corretta e dritta. Le legge del corpo si applicano anche all’anima: viviamo di compromessi, di statura ricurva e quando siamo chiamati ad essere all’altezza di noi stessi, all’altezza del sogno di Dio seminato in noi, ci sentiamo strappati alla nostra normalità. Ma in realtà, è il Vangelo la nostra vera normalità. Siamo fatti per essere come il nostro Padre celeste. La conformità al Vangelo non è una prassi che deve scaturire dal nostro eroismo morale, ma è una natura che può sgorgare spontanea dal nostro aver sperimentato la gratuità e la fedeltà dell’immeritato amore di Dio: noi amiamo perché siamo stati amati per primi.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: