In quel tempo, salito Gesù sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, avvenne nel mare un grande sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva.
Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia.
Tutti, pieni di stupore, dicevano: «Chi è mai costui, che perfino i venti e il mare gli obbediscono?».
Gen 19,15-29   Sal 25   Mt 8,23-27

Thérèse di Lisieux legge questo vangelo in una maniera geniale. In una lettera alla sorella Céline osserva che tutti importunano Gesù con richieste, lamentele, brontolii… Gesù cerca anime spose in cui riposare. Anime che sono così piene di lui che non hanno bisogno di sentire una voce per credere la Parola, per fidarsi del suo Silenzio. Donaci Signore di essere anime in cui riposi. Donaci di vivere d’amore. «Viver d'Amore è, mentre Gesù dorme, trovar riposo sui tempestosi flutti. Non temere, Signore, che io ti svegli! In pace attendo il celeste approdo. Presto la Fede squarcerà il suo velo; la Speranza per me è vederti un giorno: Carità è una vela gonfia che mi spinge: Vivo d'Amore!».
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: