In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:
«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.
Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».
Os 6,1-6   Sal 50   Lc 18,9-14

Si diventa degni di Dio non accumulando meriti ma svuotandosi. Solo chi ama vede Dio e la qualità fondamentale dell'amore è l'oblio di sé e l'estasi innamorata. Il garante di questo amore è un senso della propria verità. Non una umiltà di auto-denigrazione gratuita, ma l'umiltà riconoscente del peccatore graziato e grato. È questa la scoperta di un grande umile del secolo scorso, Charles de Foucauld: «Credevo che per incontrare Dio bisognasse salire. Finalmente ho capito che bisogna scendere: Dio si può incontrare soltanto nell'umiltà».
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: