In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?».
Dt 30,15-20   Sal 1   Lc 9,22-25

La pagina del vangelo di oggi sembra piena di follia, in realtà essa trabocca di saggezza concreta. Per coglierne tutta la pregnanza, non bisogna prenderla soltanto come una pagina rivolta a chi è esposto al martirio. È una pagina che parla alla vita di ogni giorno: se non ti investi, ti sprechi; se non ti doni, ti svuoti; se non fai spazio agli altri, diventerai intollerante verso te stesso. Sono, insomma, istruzioni di felicità. Quest’ultima – come insegna Kierkegaard – ha la porta che apre solo verso l’esterno, se cerchi di forzarla verso l’interno, non fai altro che chiuderla ulteriormente. 
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: