In quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».
Eb 11,1-2.8-19   Lc 1,68-75   Mc 4,35-41

L’incontro con l’Eterno non ci esime dalle vicissitudini della storia. Sarebbe illusorio pensare che la fede sia la pozione magica che ci fa volare al di sopra della contingenza, dei limiti e delle contrarietà di questa vita. Qualcosa cambia però: la prospettiva. Ospitando il Signore nella barca del nostro cuore, abbiamo una luce nuova sulle situazioni. Le onde del tempo possono scuoterci, ma non possono inghiottirci. Il mare, che per l’uomo antico è simbolo dell’ignoto, dell’imprevisto e della forza bruta è adesso attraversato con Lui nel cuore. Anche quando sembra dormire, Egli rimane il nostro Custode che non si addormenta e non prende sonno. Alla nostra domanda: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?», la sua risposta non può che essere: «Io sono con voi»...
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: