In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui, si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Eb 2,14-18   Sal 104   Mc 1,29-39


Il Vangelo di oggi sembra presentarci una giornata tipo di Gesù, attraverso la testimonianza diretta di Pietro raccolta da Marco. Due dimensioni convergono per manifestare il volto di uomo integro e integrale quale era il Nazareno: un uomo totalmente immerso nella concretezza del servizio d’amore agli altri, ma allo stesso tempo totalmente immerso nel Padre da non saltare un appuntamento con Lui. Soltanto le mani immerse nell’impasto dell’umano sono gradite al Padre quando sono alzate in preghiera; e soltanto le mani alzate verso il Padre donano un amore che non umilia quando si stendono verso il fratello. Racconta Raoul Follereau: «Ho sognato un uomo che si presentava al giudizio di Dio. "Vedi, mio Signore - gli diceva - io ho osservato la tua legge, non ho fatto nulla di disonesto, di cattivo o di empio. Signore, le mie mani sono pure. Senza dubbio - gli rispose il buon Dio, - ma le tue mani sono anche vuote». Signore, ti prego, fammi arrivare da te con i calli dell’amore sulle mie mani.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: