In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.
Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.
Eb 8,6-13   Sal 84   Mc 3,13-19

Scorrendo i nomi degli apostoli passano davanti agli occhi volti, biografie, fallimenti e risurrezioni, meschinità ed eroismi… E rimane indelebile quello sguardo del Nazareno che contorna e custodisce quei cammini con l’unica fedeltà senza contrasti. In quei chiamati non c’è niente di soggettivo che meriti davvero che siano essi gli inviati di Gesù. C’è solo uno sguardo e una volontà quella di Gesù che vuole, vuole bene e fa fiorire il bene. A Gesù, l’Amen del Padre, l’Amore del Padre, l’unica risposta intelligente è il «fiat». Scegliere l’ultimo posto è segno di umiltà. Rifiutare di venire avanti è segno di superbia. Quando lo Sposo chiama, non bisogna guardare la propria degnità. Gesù non sceglie chi è degno. Gesù rende degno coloro che sceglie.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: