Is 40,25-31   Sal 102   Mt 11,28-30
Il paradosso della vita in Dio lo coglie solo chi accoglie Dio. Lì trova che la massima libertà si trova nell’obbedienza a Lui, la “vera letizia” si trova nel portare la croce con Gesù, la vera ricchezza si trova nel distacco. 
Come avviene tutto ciò? Come è possibile?
Non può essere compreso se non da chi ha intrapreso il Cammino di sequela. Vieni e vedi… fac et videbis: fai e vedrai. Con l’accoglienza mite e umile della presenza di Dio nella tua vita, diventerai la realizzazione della parola del Profeta che constata che «anche i giovani faticano e si stancano, gli adulti inciampano e cadono; ma quanti sperano nel Signore riacquistano forza, mettono ali come aquile, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi». 
Sì, il Signore ti mette veramente le ali, lasciandoti con i piedi per terra, discepolo doc dell’Incarnato.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: