«Il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono». È senza dubbio un versetto enigmatico, inserito in un discorso altrettanto difficile. Sembra inizialmente indicare la violenza che il Regno che avanza subisce, ma il contesto della parola di Gesù non giustifica una tale interpretazione. E non ci sono nei Vangeli testi che depongono in questa direzione. L’interpretazione che viene data da vari autori spirituali, ma anche esegeti esprime più coerenza con quanto Gesù afferma riguardo al Regno di Dio. Il Regno si fa strada con potenza. È opera di Dio ed è incontenibile. Prende, però, parte ad esso chi non si fa sconti, chi non si racconta fronzoli, chi si mette in gioco, anzi, chi gioca il tutto per il Tutto, perché «chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà». I sogni nel cassetto sono mangiati dal tarlo del tempo, nella vita si ha soltanto ciò che si ha investito.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: