Che differenza c’è tra speranza e utopia? 
(Nel chiedere venia a san Tommaso Moro) risponderei così: Mentre l’utopia è un non-luogo, la speranza è un terreno saldo; l’utopia vive nel domani, la speranza lo costruisce vivendo appieno oggi; dove l’utopia sopravvive perché ha gli occhi chiusi, la speranza vive ad occhi spalancati; l’utopia stanca il cuore, la speranza lo rigenera. 
Spera davvero chi crede amando, chi si adopera con fiducia e con passione per far sì che la speranza non sia illusione. 
L’utopia è passività, la speranza è azione, è co-azione, un agire con Dio affinché il Regna venga. «Venga il tuo Regno».
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: