«Non si può dire che il vero amore rende ciechi: questo varrebbe semmai dell’infatuazione. Il vero amore piuttosto rende la persona, non solo capace di vedere, ma di essere chiaroveggente, persino profetica, perché vedere i possibili valori dell’essere amato, significa vedere le pure e semplici possibilità, quanto non è ancora realtà, il non-ancora realizzato, ma il possibile-da-realizzare» (Viktor Emil Frankl)
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: